Musiche Selvagge







Musiche selvagge è un cantiere di voci, suoni e memorie, un laboratorio sonoro che costituisce, nel nord Italia, uno dei più avanzati tentativi di promozione di una terra e del suo patrimonio musicale.

In Musiche selvagge s’incontrano le conoscenze, gli stili, le passioni e le esperienze di alcune fra le più attive figure (suonatori, cantori e ricercatori) della musica delle Quattro province. Cuore dell’Appennino, poste fra il mare e la pianura, tra il Piemonte e l’Emilia, queste montagne sono da sempre luogo d’incontro di culture e lingue differenti, spazio in cui le storie degli uomini, la loro opera e sapere si influenzano vicendevolmente.

La musica di tradizione di questi monti non è un reperto archeologico: con il suo bagaglio di riferimenti storici, sociali e perfino di evoluzione della tecnica, dagli inni carpiti agli eserciti napoleonici ai canti importati dalle terre dei risi, dall’Ottocentesca maestria artigianale per costruire pifferi e muse fino all’odierno impiego dell’informatica, è un importante tassello della cultura musicale europea.



Musicisti

Cesare Campanini: voce, fisarmonica
Aurelio Citelli: voce, tastiere, ghironda, bouzouky
Marco Domenichetti: piffero, flauti, voce
Stefano Faravelli: piffero, voce
Roberto Ferrari: piffero, voce
Donata Pinti: voce
Claudio Rolandi: fisarmonica
Paolo Ronzio: chitarra, musa, mandolino, autoharp, bouzouky, voce
Maddalena Soler: violino, voce


con
Colleri ü canta: voci
Le Voci di Fego: voci
Diego Ronzio: darabuka, doumbek, riq


direzione artistica: Aurelio Citelli

 



GALLERIA IMMAGINI ->





MUSICHE SELVAGGE - SENTRE' (CD)

vie antiche ma di grande attualità, i “sentieri” sono metafora della cultura che non conosce confini: mettono in comunicazione uomini, idee, villaggi, favoriscono la diffusione di storie, la trasmissione della memoria

Lavoro raffinato, ricco di rimandi storici e culturali l’album racconta in 70 minuti una terra, i suoi confini - non - confini, i suoi riti, i colori della lingua, il fascino delle sue musiche, le storie cantate, i suoni e i rumori della festa. Accurato e coinvolgente, “Sentré” rappresenta uno dei più riusciti album dedicati alla musica delle Quattro province.

Il carnevale, Le storie di Eva, Le nozze, Le altre storie, I riti primaverili, La festa, sono i capitoli lungo i quali si snoda un racconto in cui si intrecciano voci, suoni, rumori di carnevali e di feste. Con una narrazione a più voci, talvolta emozionante, l’album rievoca i riti calendariali del passo del Brallo e le ballate dell’alta Val Borbera, le danze da piffero della migliore tradizione della valle Staffora e le canzoni a ballo dell’Appennino piacentino.

Originali e innovativi i brani a tre pifferi arrangiati da Claudio Rolandi e superbamente eseguiti da Marco Domenichetti, Stefano Faravelli e Roberto Ferrari con l’ accompagnamento delle fisarmoniche dello stesso Rolandi e di Cesare Campanini di cui va segnalata anche la bella esecuzione vocale in Buté la sela. Di straordinaria bellezza e piene di pathos le ballate cantate da Donata Pinti arrangiate con un gusto moderno da Aurelio Citelli e ottimamente eseguite, tra gli altri, da Paolo Ronzio alla chitarra e Maddalena Soler al violino.

L’esecuzione dei canti rituali è affidata alle interpretazioni degli ensamble vocali popolari Colleri ü canta e Le Voci di Fego. In qualche brano la tavolozza sonora è arricchita dalle percussioni di Diego Ronzio.

Il cd è corredato da un ricco booklet di 36 pagine con testi, note e traduzioni, ed è illustrato da splendide immagini di paesaggi, rituali, feste e dei protagonisti di Musiche selvagge.

Prodotto dall’Associazione culturale Barabàn, l’album è distribuito da Felmay.

L’album

Il carnevale
1.Cecilia - 2.Valzer della Scaparina - 3. Carlevà
Le storie di Eva 4. Draghin ● Monferrina ● Perigurdino - 5. La fiöla d’un povr’om
Le nozze 6. La bella növa - 7. Valzer a Taramla
Le altre storie 8. Adré la riva de lo mar ● Sentré - 9. Buté la sela ● Mazurca di Ivano - 10. Ra suldarena
I riti primaverili 11. Polca di Malaspina ● Bisagna - 12. La Santa Croce La festa - 13. Suite di Alessandrine da piffero - 14. La ballerina ● Perigurdino ● Curenta - 15. Buonasera miei signori ● Polca ● La Bersagliera

Total time: 69:00
Arrangiamenti Claudio Rolandi, Aurelio Citelli, Marco Domenichetti

Produced by Associazione culturale Barabàn -Marketed by Felmay, Strada Roncaglia 16 – 15040 San Germano AL, Italy tel. +39 0142 50577 – fax +39 0142 50780 ● orders@felmay.it ● www.felmay.it




SCHEDA TECNICA

Lo spettacolo dura circa 100 min. e si può realizzare sia in spazi aperti che in teatri e auditorium. Per l’allestimento del concerto occorre predisporre:

· palco o pedana di minimo m 6x8
· impianto di amplificazione di 2.000 watt con mixer minimo 16 ingressi, 12 microfoni direzionali, 5 monitor, 4 DI box
· illuminazione (almeno 4.000 watt - fari bianchi)
· presa di alimentazione di 2 Kw sul palco
· 16 sedie senza braccioli

 

Contatti e info: tel. 3387189841 - 3392658341