Barabàn

Fondato a Milano nel 1982, l’ensemble mescola melodie, lingue, ritmi e sonorità dell’Italia settentrionale, strumenti popolari e contemporanei, polifonie della pianura Padana, liriche contemporanee, canti arcaici dell’Appennino, musiche swing e dal sapore yiddish.… Read More Barabàn

“La Monferrina”
Il 1° ottobre presentazione a Milano

Sarà presentato sabato 1° ottobre, alle ore 18.30, a Milano, presso il Circolo Bovisa di via Mercantini 11, il volume La Monferrina. Storia del ballo che conquistò l’Europa, di Giuliano Grasso, pubblicato lo scorso agosto. Si inaugura, così, Libri in circolo, ciclo di 4 incontri con gli autori organizzato dal Circolo Bovisa in collaborazione con la Fototeca Gilardi (alla quale è affidata la vendita online delle opere di ACB) e l’Associazione culturale Barabàn.… Read More “La Monferrina” Il 1° ottobre presentazione a Milano

Medicina dei segni a Zavattarello.
Intervista a Emma Bruni

Tra il 2010 e il 2011 l’Associazione culturale Barabàn ha promosso un indagine al fine di documentare la presenza di pratiche di etnomedicina nell’Appennino lombardo. Gli esiti della ricerca sono stati pubblicati nel volume di Aurelio Citelli, Giuliano Grasso, Alberto Rovelli e Marco Savini INT U SEGNU. Guaritori popolari e pratiche magiche nelle Quattro province. Nel DVD Vedere i segni, allegato al libro, oltre a numerosi video con esempi di segni, è contenuto un Diario di ricerca dove sono pubblicate alcune delle più significative testimonianze raccolte nel corso della ricerca.… Read More Medicina dei segni a Zavattarello.Intervista a Emma Bruni

È uscito il volume “La Monferrina. Storia del ballo che conquistò l’Europa”

È stato pubblicato il volume “La Monferrina. Storia del ballo che conquistò l’Europa”, di Giuliano Grasso, edito dall’Associazione culturale Barabàn.
Sul finire del XVIII secolo un nuovo ballo di gruppo irrompe nei saloni dell’alta società dove regnava il poliedrico repertorio delle Contradanze. Dapprima affermatasi come danza di gran moda a Milano e a Venezia, nel giro di pochissimi anni la Monferrina compie un vero e proprio exploit conquistando le sale e i teatri di Parigi, Londra, Monaco e Vienna, trovando un posto di primo piano in ogni programma di ballo.… Read More È uscito il volume “La Monferrina. Storia del ballo che conquistò l’Europa”

La Monferrina.
Storia del ballo che conquistò l’Europa

Sul finire del XVIII secolo un nuovo ballo di gruppo irrompe nei saloni dell’alta società dove regnava il poliedrico repertorio delle Contradanze. Dapprima affermatasi come danza di gran moda a Milano e a Venezia, nel giro di pochissimi anni la Monferrina compie un vero e proprio exploit andando a conquistare le sale e i teatri di Parigi, Londra, Monaco e Vienna, trovando un posto di primo piano in ogni programma di ballo.… Read More La Monferrina.Storia del ballo che conquistò l’Europa

Il violino di Auschwitz.
Musiche e immagini per non dimenticare

Un’emozionante sequenza di canti composti da deportati nei campi di concentramento di Terezìn e Mauthausen (Wiegala, Asma Asmaton) melodie e danze della tradizione yiddish, canzoni contro la guerra (da Auschwitz di Guccini a La guerra di Piero di De André), e contro l’indifferenza e l’apatia (Yellow triangle) fa da colonna sonora a testimonianze di sopravvissuti ai campi di sterminio, immagini dei lager nazisti, spezzoni di film sulla Shoah.… Read More Il violino di Auschwitz.Musiche e immagini per non dimenticare

Venti5 d’Aprile.
Musica per la festa della Liberazione

“Resistenza, Liberazione, antifascismo, memoria, lotta per la libertà, eroismo partigiano, costituzione democratica… Parole, parole, parole. Poi, una sera, arrivano i Barabàn, sei musicisti doc col pallino delle tradizioni vocali e della cultura popolare: tanta gente – giovani, giovanissimi, vecchi partigiani, donne, intere famiglie – si stringono nella Sala Consigliare, (strapiena all’inverosimile), e accade che all’improvviso le parole riacquistino un senso, ritrovano un “peso”, tornano ad essere vita, emozione, ideale.” (Libertà, 2005)… Read More Venti5 d’Aprile.Musica per la festa della Liberazione